• Cup of tea, anyone?

    Abitudine tra quelle inglesi che più amo, l’Afternoon Tea pare sia stato inventato dalla settima Duchessa di Bedford, Anna.

    Sembra che la nobildonna si lamentasse di quel fastidiosissimo languorino che la colpiva nel tardo pomeriggio.

    Fu così che le venne l’idea di spezzare la fame con uno spuntino consumato all’interno del suo boudoir. Pasticcini mignon, deliziose fettine di torta e piccoli sandwiches tra un sorso e l’altro di tea.

    Un genio.

    L’Afternoon Tea come rituale venne poi introdotto in UK nei primi anni ’40 del diciannovesimo secolo, divenendo con il tempo una vera e propria istituzione per le fanciulle dell’Alta Società.

    The, in tempi più moderni champagne, scones, finger sandwiches e tante belle chiacchere… what else?

    Al giorno d’oggi di Afternoon Tea Reception a Londra se ne trovano ovunque e di tutti i tipi.

    Io, per un’occasione speciale come quella del compleanno della mia amica Jess, ho scelto il trendissimo Sketch.

    A pochi passi da Oxford Street, è una sorta d’istituzione per fashionistas ed artisti internazionali. Lo Sketch é ospitato in un edificio a due piani ed é suddiviso in diversi locali – tra cui un ristorante a tre stelle Michelin – uno più stiloso dell’altro.

    AT pic from site2

    A me e a Jess è sembrato di trovarci all’interno di un quadro surrealista.

    Le pareti della sala, decorata con un insolito quanto originale rosa confetto, quando ci siamo state noi erano adornate da ben 239 disegni d’autore firmati da David Shrigley. L’artista, in occasione della sua collaborazione biennale con Sketch, ha creato anche la maggior parte delle ceramiche.

    Tra un sorso e l’altro di jasmine tea e bubbly champagne, fiabesche cameriere vestite da tata ci hanno servito deliziosi sandwiches con uova di quaglia, cetriolo e ricotta. E ancora macarons al pistacchio, mousse all’ananas & cheese cake e il very british scone con clotted cream e marmellata alle fragole.

    Un pomeriggio davvero diverso dal solito… ah! quasi dimenticavo le famose toilets a forma di uovo… A me danno il mal di testa ma sono comunque un’esperienza… da provare!

    Follow:
    Share:

    1 Comment

    Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: