• Magic Istanbul

    cartine.jpg

    Musica, brindisi e 20 gradi a Gennaio: Istanbul ci ha accolte così.

    E viste le premesse – allerta terrorismo, relative preoccupazioni/paranoie di chi ci vuole bene, state attente, ma non avete un altro posto dove andare, due ragazze da sole, a gennaio di solito nevica – non poteva darci il benvenuto in maniera migliore.

    aereo

    Dopo un meraviglioso volo di qualche ora con la Turkish airlines  – che non ha avuto nulla a che fare con quello di ritorno con la mia amata BA, aka British Airways, che in questo caso non ha retto il confronto – siamo arrivate nell’unica città al mondo divisa tra due continenti.
    Europa e Asia convivono in questa metropoli di ben 15 milioni di abitanti, un aggrovigliarsi di culture, suoni e profumi che ti affascinano e sorprendono ad ogni angolo.

    Anche la scelta del Boutique Hotel No 18 non poteva essere più azzeccata: posizione e accoglienza super e camera carinissima.
    Nemmeno il tempo di metter giù le valigie e siamo già in mezzo alle stradine di Beyoğlu, immerse nell’allegra atmosfera tutt’intorno a noi: a cena, i nostri simpaticissimi vicini di tavolo tentano – INVANO! :'( – di farci pronunciare Teşekkür ederim (in turco grazie) tra un brindisi di raki e una strimpellata di chitarra.

    Emymusicante_1024_1024.jpg

     Il risveglio del giorno dopo é un qualcosa di speciale e di mai provato prima: il richiamo dei muezzin riecheggia in tutta la città ed é una sensazione unica.
    Ci facciamo trasportare dal fiume di gente che attraversa Istiklal Caddesi (la via dello shopping e dei locali di Istanbul) e arriviamo a Piazza Taksim, immensa e carica di storia.
    Con la metropolitana  – la seconda più antica del mondo, dopo quella della mia Londra  -raggiungiamo Eminönü, dove c’imbarchiamo su di un traghetto per un tour sulle acque del Bosforo.
    Per circa due ore veniamo cullate dal lento dondolio e dal volo dei gabbiani, mentre le sagome delle moschee fanno capolino qua e là tra i colli della città.

    traghetto2.jpg

    traghetto3

    traghetto

    L’aperitivo non poteva che essere al Leb-i Derya: appena entrata ho come sentito un tuffo al cuore per la troppa bellezza. Dalle sue vetrate si vede tutta la città, che ammirata da lassù con la luce rosa del tramonto e i canti dei muezzin ad accompagnarla verso la notte sembra ancora più bella.

    illyemymojito_1024

    img_5831

    img_5830

    Il resto dei giorni a Istanbul scivolano veloci tra visite alle meravigliose Aya Sofya, Moschea Blu, Basilica Cisterna, Torre Galata e Hippodrome; passeggiate infinite nelle incasinatissime viuzze laterali, un giretto sul nostalgico tram  rosso e ovviamente al Gran Bazar.

    tram

    thumb_uominibazar_1024

    moschea2_1024

    moschealberi_1024

    Il tutto accompagnato da assaggi di dolcetti strepitosi, cenette in locali tipici – uno su tutti Lokanta Helvetia-, chiacchere improbabili (per via della differenza linguistica abissale) con i gentilissimi e cordialissimi abitanti della città e i gatti, veri e propri secondi cittadini di Istanbul, che sembrano guidarti ad ogni angolo alla scoperta delle mille sfumature di questa magica città.

    gatti_1024

    thumb_minaretosole_1024_1024

    Follow:
    Share:

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: