Venezia-Londra A/R



“Per quanto tempo hai vissuto a Londra?”

…..

“Cinque anni? Wow, che bello, … beata te!”

…..

“Ma non ti manca?”

…..


Ho ormai smesso di contare quante volte mi vengono fatte le stesse domande quotidianamente, ed ho adottato un sistema infallibile per glissare il discorso, limitandomi a sorridere o a far finta di non aver sentito. La mia non è spocchiosità o maleducazione: è davvero difficile trovare le parole giuste per descrivere come ci si sente ad aver vissuto nella capitale inglese per anni, per poi tornare in Italia avendo ormai acquisito una mentalità Brit.

Di come mi sentivo nella mia quotidianità londinese ho parlato nel mio primo post https://thefrillydiaries.com/2015/07/28/brita-girl/ scritto qualche anno fa, di come si vive da emigrata al contrario proverò a parlarne qui e, credetemi, non sarà per nulla semplice.


 

Costiera Amalfitana on the road

Alzi la mano chi, come me, è stufo di quest’inverno che sembra non finire più e di questa primavera che continua a giocare a nascondino.

Qui c’è davvero bisogno di una sana cura di vitamina D, di sole, di profumo di mare e di togliersi di torno questi benedetti cappotti.

Insomma c’è bisogno di ESTATE, parola che a solo pronunciarla mi mette di buon umore…

Oggi per sentirmela più vicina, la mia amata estate, mi sono messa a riguardare le foto del mio viaggetto on the road di pochi giorni sulla Costiera Amalfitana, fatto con un’amica a luglio dell’anno scorso.

Diciamo che, se potessi, prenderei un aereo in questo momento per Napoli… 😀

 

Window-shopping a Londra

Oxford Street il sabato pomeriggio? Anche no, grazie.
Giretto per il nuovo centro commerciale durante l’ora di punta? Passo. Senza pensarci un attimo.
A parte il fatto che da quando ho scoperto lo shopping on line è difficile che io acquisti qualcosa trascinandomi nel casino delle vie del centro, sono sempre stata una da negozietto, meglio ancora se indipendente, dove poter scegliere cosa comprare in tutta tranquillità, senza rischiare che ti venga strappato di mano da chi ti sta affianco per paura che tu te lo possa accaparrare per prima.

C’è però un qualcosa che mi ha sempre affascinato dei grandi giganti dello shopping londinese… Quelle vetrine uniche al mondo, che non si limitano a mettere in mostra i prodotti ma che raccontano delle vere e proprie storie, in un tripudio di creatività.
Ecco che allora il giro in centro – ovviamente durante la settimana e non nella tanto odiata rush hour 🙂 – vale la pena di essere fatto…